Duane Bourget, Ingegnere Capo del Progetto Senior - Medtronic

TECNOLOGIA: SVELARE I SEGRETI DELLA MENTE UMANA

I ricercatori di Medtronic usano tecnologie innovative per scoprire nuove modalità di trattamento dei disturbi.

Questa è la storia di una possibilità rivoluzionaria, che cambia la vita. E può essere dimostrato con una lampadina e un battito d'occhio.

Quando il ricercatore di Medtronic, Duane Bourget, batte gli occhi, il suo cervello invia segnali elettrici specifici. I suoi occhi riconoscono tali comandi e obbediscono. È così che entra in funzione il dispositivo medico collegato, ma esso controlla una lampadina. Si accende quando lui chiude gli occhi e si spegne quando li apre.

“Se batto gli occhi e porto la linea oltre una certa soglia, questo accenderà la luce,” ha affermato Bourget.

Quindi, se possiamo decodificare gli impulsi elettrici del cervello, che succederà se riuscissimo a decodificare i suoi disturbi? Potremmo trattare con dispositivi medici disturbi legati al cervello come la depressione, la sindrome di Tourette o addirittura l'Alzheimer?

Sappiamo già che l'impianto di elettrodi nel cervello è in grado di alleviare i tremori del Parkinson. Esiste la possibilità che terapie simili potrebbero essere efficaci anche per altri disturbi cerebrali, se solo potessimo trovare l'onda cerebrale specifica, tra i miliardi di onde, che li scatena.

Lo stesso dispositivo che riconosceva il battito di occhi di Duane potrebbe essere la chiave. Una volta impiantata nell'organismo, questa nuova tecnologia potrebbe non solo fornire elettricità ma, per la prima volta, anche acquisirla e registrare i segnali elettrici del paziente.

Decodificazione dei segnali del cervello usando la tecnologia Brain Radio™

“È la nostra prima possibilità di guardare all'interno del cervello, di cui non sappiamo molto, e lasciare alle spalle la scienza per capire come funzionano le cose,” ha detto Scott Stanslaski, di Medtronic.

“È una cosa rivoluzionaria,” secondo il ricercatore Jeffrey Herron dell'Università di Washington. Il suo team di ingegneri a Washington è uno dei quasi 20 team di ricerca del mondo che sta studiando tutti questi nuovi dati sul cervello. Stanno cercando di trovare il segnale cerebrale che scatena un particolare disturbo del cervello. 

“Il potenziale di questa tecnologia è così immenso che non riesco a trattenere l'emozione quando finisco di lavorare ogni giorno,” ha affermato Herron.

Non si tratta di fantascienza. Ad esempio, sono in corso ricerche che un giorno potrebbero permettere ai pazienti di controllare i propri dispositivi medici soltanto con il pensiero.

Inoltre si lavora per un dispositivo che un giorno potrebbe rilevare l'insorgenza di una crisi epilettica, fornire elettricità alla parte destra del cervello e bloccare la crisi prima che si verifichi.

“Potenzialmente, le crisi epilettiche potrebbero essere eliminate. Si verificheranno ma potrebbero non avere sintomi,” ha spiegato Bourget.

E se sembra un po' fuori portata, non dovrebbe esserlo.

"Non si devono sottovalutare gli insegnamenti,” ha affermato Bourget. “Non sappiamo cosa impareremo. Questa è la parte più emozionante. È piena di speranza ed è emozionante".

Dopo tutto, la prossima grande scoperta potrebbe essere qui, con un battito d'occhio.


INFORMAZIONI IMPORTANTI

La ricerca e le innovazioni tecnologiche discusse sono in fase di sviluppo o soltanto in fase di sperimentazione e non sono attualmente approvate per l'uso clinico o la commercializzazione.


IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA

La terapia di stimolazione cerebrale profonda non è adatta a tutti. Per la terapia DBS è necessario un intervento chirurgico al cervello che potrebbe avere complicazioni serie o persino fatali. Possono verificarsi altre complicazioni che possono rendere necessario un secondo intervento chirurgico. La terapia DBS di Medtronic potrebbe causare un peggioramento di alcuni sintomi. Per maggiori informazioni sulla sicurezza, si prega di fare riferimento alle sezioni Indicazioni, Sicurezza e Avvertenze all'indirizzo http://professional.medtronic.com/pt/neuro/dbs-md/ind/index.htm