Fibrillazione atriale

Fibrillazione atriale La vostra salute

Opzioni terapeutiche

Opzioni di trattamento per la fibrillazione atriale

Il trattamento della fibrillazione atriale ha una importanza notevole perché questa condizione può aumentare il rischio di trombosi e di ictus. La American Heart Association consiglia un trattamento aggressivo della patologia indipendentemente dalla percezione dei sintomi da parte del paziente o meno. Medico e paziente possono decidere la terapia migliore più adatta per la malattia cardiaca specifica.

Obiettivi della terapia per la fibrillazione atriale

Gli obiettivi principali di una terapia per la fibrillazione atriale sono:

  • Alleviare i sintomi della fibrillazione atriale e migliorare la qualità di vita del paziente
  • Prevenire la formazione di trombi per ridurre il rischio di ictus
  • Controllare la frequenza cardiaca in modo che i ventricoli (parte inferiore del cuore) abbiano il tempo di riempirsi di sangue
  • Ripristinare un normale ritmo cardiaco in modo da consentire agli atri (parte superiore del cuore) e ai ventricoli di funzionare in sinergia e, quindi, in modo più efficiente.

Opzioni terapeutiche per la fibrillazione atriale

Per il trattamento della fibrillazione atriale si possono prescrivere le seguenti terapie:

  • Farmaci per controllare la frequenza o il ritmo cardiaco
  • Farmaci anticoagulanti per impedire la formazione di coaguli di sangue
  • Cardioversione (erogazione di un impulso elettrico sul cuore) durante l’anestesia o tramite somministrazione di farmaci, per riportare un’anomalia del battito cardiaco alla normalità
  • Ablazione transcatetere per annullare i percorsi elettrici anomali nei tessuti cardiaci
  • Pacemaker e defibrillatori (impiantabili) per individuare e trattare la fibrillazione atriale nelle fasi più precoci e impedire l’insorgenza della patologia
  • L’ablazione chirurgica mini-invasiva (destinata alla sola fibrillazione atriale) o a cielo aperto (in combinazione con altra procedura cardiaca) per creare lesioni in grado di bloccare i circuiti elettrici anomali che causano la patologia.

Dopo aver soppresso o trattato la fibrillazione atriale, è necessario monitorare il paziente per verificare che non si ripresenti, in quanto la patologia può provocare un ictus anche in assenza di sintomi evidenti.

Parlare con il proprio medico delle opzioni di trattamento adatte alla propria situazione.


La decisione di non sottoporsi a trattamento

La fibrillazione atriale è un disturbo medico grave e in caso di mancato trattamento può provocare:

Per prevenire questi eventi gravi, è importante sottoporsi regolarmente a check-up cardiologici anche in assenza di sintomi evidenti.

I pazienti che hanno ricevuto una diagnosi di fibrillazione atriale possono consultare il proprio medico per valutare quali siano le opzioni terapeutiche più adatte.

Successivo: L’ablazione transcatetere


I contenuti di questo sito sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso devono sostituire il parere, la diagnosi o il trattamento prescritti dal proprio medico curante. La risposta allo stesso trattamento può variare da un paziente all'altro. Consultatevi sempre con il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e trattamenti ed attenetevi scrupolosamente alle sue indicazioni.