Ritenzione urinaria

Ritenzione urinaria La vostra salute

Opzioni terapeutiche

Opzioni terapeutiche per
la ritenzione urinaria

Vi sono diverse opzioni di trattamento per la ritenzione urinaria e tra queste si conta la terapia di neuromodulazione sacrale.* Si consiglia di rivolgersi al proprio medico per discutere con lui le opzioni terapeutiche più appropriate. 

Cateterizzazione

Il medico può consigliare di eseguire una cateterizzazione occasionale, ovvero di introdurre a intervalli regolari un catetere nel tratto urinario per un periodo sufficiente a svuotare la vescica.


Tecniche comportamentali

Alcune persone possono ridurre i sintomi della ritenzione urinaria semplicemente modificando il proprio stile di vita, modificando l’assunzione di bevande e le abitudini alimentari. E' possibile praticare tecniche di addestramento della vescica, eseguendo esercizi di Kegel o altri tipi di fisioterapia.


Terapia farmacologica

Per contribuire al controllo dei sintomi dei disturbi vescicali, il medico potrebbe prescrivere dei farmaci. I vari tipi di farmaci utilizzati per questo tipo di disturbo si concentrano sui muscoli associati alla funzione vescicale e sono mirati al miglioramento della capacità di minzione. 


Neuromodulazione sacrale

Il neurostimolatore è un dispositivo che invia impulsi elettrici di bassa intensità ai nervi che controllano la vescica e i muscoli deputati al controllo della minzione. Permette al cervello e ai nervi sacrali di comunicare in modo da far funzionare la vescica in modo corretto. La neuromodulazione sacrale è un trattamento reversibile che può essere interrotto in qualsiasi momento disattivando o rimuovendo il dispositivo.

*La terapia di neuromodulazione non è indicata per il trattamento della ritenzione urinaria ostruttiva. Non tutte le forme di ritenzione urinaria non ostruttiva possono essere trattate mediante la terapia di neuromodulazione.


I contenuti di questo sito sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso devono sostituire il parere, la diagnosi o il trattamento prescritti dal proprio medico curante. La risposta allo stesso trattamento può variare da un paziente all'altro. Consultatevi sempre con il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e trattamenti ed attenetevi scrupolosamente alle sue indicazioni.